El Tanque fa “dieci”, la Reggina “diciassette”

Reggina

El Tanque mette il decimo sigillo personale, la Reggina conquista la diciassettesima vittoria in campionato in un Razza colorato di amaranto e davanti al presidente Luca Gallo.

LE SCELTE

Mister Toscano deve fare a meno degli acciaccati Bertoncini, Bresciani, Garufo e Doumbia, oltre che dello squalificato Farroni. Corazza e Sounas si accomodano in panchina. Al loro posto ci saranno Reginaldo e Rivas. Confermatissimo il 4-3-3 di mister Modica, autentico marchio di fabbrica. In coppia con Redolfi al centro della difesa ci va Mahrous. In avanti il tridente composto da Emmausso, Bernardotto e Bubas.

EL TANQUE IN DOPPIA CIFRA

Gli amaranto inizia con il piglio giusto. Pressing alto e fraseggio intenso, ma con il passare dei minuti è la Vibonese a prendere in mano il pallino del gioco. Emmausso, al quarto d’ora, ha sui propri piedi il pallone del possibile vantaggio, ma a tu per tu con Guarna alza la mira. Al 29′ Rolando è costretto ad alzare bandiera bianca. La Vibonese si dimostra una squadra in classico stile zemaniano, con le idee ben chiare e la difesa a ridosso del centro del campo. Gli amaranto cercano di imbucare con gli inserimenti di Bianchi e Rivas, senza fortuna. Su un lancio diretto a Liotti, l’esterno mancino si invola in velocità, mette in mezzo per Rivas che cade giù. Tito si rifugia in corner, per il direttore di gara è tutto regolare. E’ il preludio al gol. Reginaldo sfonda sull’out di destra, mette dentro palla che, sporcata, finisce sui piedi di Rivas. L’honduregno serve a rimorchio De Rose, che tira. Petermann ha il braccio troppo alto, è rigore. Dal dischetto Denis si conferma specialista e beffa Mengoni con un cucchiaio.

CALANO I RITMI, CALA IL SIPARIO

Causa un grosso dispendio di energie per via dell’intensità con cui si è giocato nei primi 45 minuti, il match scende di ritmo. Mister Toscano inserisce Corazza e Sounas in luogo di Reginaldo e Bianchi. Più tardi sarà il turno di Sarao e De Francesco. La Reggina si limita alla gestione del match, la Vibonese non punge. Cala il sipario, i tifosi alzano le braccia al cielo.