Coronavirus, Conte: “Dal 4 maggio più spostamenti, ma cautela. A settembre a scuola”

Via libera a diverse imprese e più spostamenti dal 4 maggio, scuole riaperte a settembre.
Il premier Giuseppe Conte delinea i passaggi cruciali della fase 2 dell’emergenza Coronavirus in un’intervista a la Repubblica.
Il presidente del Consiglio però chiede “cautela” e ribadisce che “non sarà un libera tutti”. “Faremo in modo – dice Conte – di consentire maggiori spostamenti, conservando, però, tutte le garanzie di prevenzione e di contenimento del contagio”

IMPRESE

“Stiamo lavorando, proprio in queste ore – spiega il premier – per consentire la ripartenza di buona parte delle imprese, dalla manifattura alle costruzioni per il 4 maggio.
Non possiamo protrarre oltre questo lockdown: rischiamo una compromissione troppo pesante del tessuto socio-economico del Paese.
Annunceremo questo nuovo piano al più tardi all’inizio della prossima settimana”

“Scuole riaperte a settembre”

Per quanto riguarda l’istruzione, Conte osserva: “La scuola è al centro dei nostri pensieri e riaprirà a settembre.
Ma tutti gli scenari elaborati dal comitato tecnico-scientifico prefigurano rischi molto elevati di contagio, in caso di riapertura delle scuole.
È in gioco la salute dei nostri figli, senza trascurare che l’età media del personale docente è tra le più alte d’Europa”