Abusi su bimbi e affidamenti illeciti, arresti nel Reggiano  

Sindaci, medici, assistenti sociali, psicoterapeuti e liberi professionisti. Sono decine le persone arrestate dai carabinieri di Reggio Emilia, sotto il costante coordinamento della Procura reggiana e del pm Valentina Salvi, nell’ambito dell’operazione ‘Angeli e Demoni’. Secondo le accuse avevano messo in piedi un illecito e redditizio sistema di ‘gestione minori’, il cui radicamento sull’intero territorio nazionale è tuttora in fase di sviluppo investigativo e che ha portato all’arresto di un sindaco e di assistenti sociali nonché psicoterapeuti di una nota onlus di Torino. Tra i destinatari di altri provvedimenti cautelari anche psicologi dell’Asl reggiana. Decine di indagati tra sindaci, amministratori comunali, un avvocato, dirigenti e operatori socio sanitari.  

Gli inquirenti contestano agli indagati ore e ore di intensi “ore e ore di intensi lavaggi del cervello” intercettate durante “le sedute di psicoterapia effettuate sui minori, anche di tenera età, dopo che gli stessi erano stati allontanati dalle rispettive famiglie, attraverso le più ingannevoli e disparate attività”. 

Dalle indagini è emerso che tra gli affidatari dei minori coinvolti c’erano anche titolari di sexy shop, persone con problematiche psichiche e con figli suicidi. Sono inoltre stati accertati due i casi di stupro presso le famiglie affidatarie e in comunità, dopo l’illegittimo allontanamento. “Quello che veniva spacciato per un modello istituzionale da emulare sul tema della tutela dei minori abusati altro non era che un illecito business ai danni di decine e decine di minori sottratti alle rispettive famiglie”, sottolineano gli investigatori. 

(Fonte: Adnkronos)

Annunci