Addio al filosofo Remo Bodei  

E’ morto ieri sera a Pisa all’età di 81 anni il filosofo Remo Bodei, illustre accademico che al pensiero speculativo ha unito una grande capacità divulgativa, dimostrata anche dalla sua presenza costante al Festivalfilosofia di Modena, del cui comitato scientifico era presidente. Era nato a Cagliari il 3 agosto 1938. E’ stato l’artefice di una personale ricostruzione storica del contrasto ragione-passioni, analizzandone le implicazioni sul piano etico-politico.  

Accademico dei Lincei, Bodei era professore emerito di storia della filosofia all’Università di Pisa ed ha insegnato storia della filosofia ed estetica alla Scuola Normale Superiore di Pisa. E’ stato docente in diversi atenei europei e americani, come Cambridge, Ottawa, New York, Città del Messico e infine all’Università della California di Los Angeles. 

Bodei era uno dei massimi esperti della filosofie dell’idealismo classico tedesco e dell’età romantica. Mente brillante, le sue indagini filosofiche hanno riguardato anche la ricerca della felicità da parte del singolo, le indeterminate attese collettive di una vita migliore, i limiti che imprigionano l’esistenza e il sapere entro vincoli politici, domestici e ideali. Sotto questo profilo resta magistrale il saggio “Geometria delle passioni. Paura, speranza e felicità: filosofia e uso politico” (Feltrinelli, 1991, arrivato alla settima edizione ampliata, 2003). 

Tra gli ultimi suoi lavori pubblicati figurano: “Piramidi di tempo. Storie e teoria del déjà vu” (il Mulino, 2006); “Gli uomini davanti alla natura selvaggia” (Bompiani, 2008); “La vita delle cose” (Laterza, 2009); “Ira. La passione furente” (il Mulino, 2011); “Immaginare altre vite” (Feltrinelli, 2013); “Generazioni. Età della vita, età delle cose” (Laterza, 2014); “La civetta e la talpa. Sistema ed epoca in Hegel” (il Mulino, 2014); “Ordo amoris. Conflits terrestres et bonheurs célestes (Les Belles Lettres, 2015). Con Feltrinelli ha pubblicato “Destini personali” (2002) e “La filosofia del Novecento (e oltre)” (2015). Nei ‘Classici’ Feltrinelli ha curato “Sul tragico” (1994) di Hölderlin e scritto l’introduzione a “Uno, nessuno e centomila” (2007) di Pirandello.