Alimenti: Lidl, 2mila t di cibo recuperate e donate in un anno  

Un totale di 2.000 tonnellate di cibo recuperate e donate che si sono trasformate in oltre 4.000.000 di pasti per chi ne ha bisogno grazie all’adesione, a livello nazionale, di più di 330 punti vendita abbinati a strutture caritative (mense, case famiglia, parrocchie…). Il 70% di quanto recuperato è costituito da frutta e verdura. Sono i risultati di un anno di “Oltre il Carrello – Lidl contro lo spreco”, il programma di recupero di prodotti alimentari non più vendibili secondo gli standard commerciali, ma ancora buoni e sicuri. 

Del tema si è parlato al Salone della CSR e dell’innovazione sociale, oggi al DAMSLab di Piazzetta Pasolini a Bologna. In Emilia Romagna, partecipano al programma 23 punti vendita Lidl e la piattaforma logistica dell’insegna situata a Massa Lombarda. Qui, più di 304 tonnellate di cibo sono state recuperate e donate, trasformandosi in oltre 608mila pasti. 

“Bologna, da sempre, è una città particolarmente attenta a queste tematiche sociali, per questo l’abbiamo scelta come città test del nostro progetto già a partire dall’ottobre del 2017 – dice Alessia Bonifazi, responsabile Comunicazione e CSR di Lidl Italia – Ad oggi, i sei punti vendita Lidl bolognesi hanno raccolto e donato 94 tonnellate di cibo, l’equivalente di oltre 188mila pasti. Contiamo di estendere quanto prima questo nobile progetto a tutti i nostri supermercati”.  

(Fonte: Adnkronos Prometeo)