Alitalia, gli italiani vorrebbero la vendita a una compagnia estera

È quanto si evince da un'indagine dell'Istituto Swg sulle soluzioni per rilanciare la compagnia di bandiera italiana

Alitalia

Sulla questione Alitalia ed eventuali accordi che riguardano il futuro della società, il gruppo Atlantia, società attiva nel settore delle infrastrutture autostradali e aeroportuali, «ribadisce – in una nota – che sulla vicenda Alitalia la sua posizione non è cambiata rispetto alle ripetute dichiarazioni pubbliche del Ceo Giovanni Castellucci. Nessun fondamento quindi possono avere notizie circa presunti accordi, ancorché preliminari, per una eventuale partecipazione alla newco Alitalia».
Attualmente, ancora non si è arrivati a una soluzione sulla sorte della compagnia di bandiera italiana nonostante le rassicurazioni del ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli che, in occasione della presentazione del nuovo servizio dei treni Intercity, ha commentato: «Stiamo lavorando intensamente».
Intanto, dopo l’interesse mostrato nei giorni scorsi, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha formalizzato un’offerta per l’acquisizione della compagnia.

Forza Italia contro la proroga
A commentare le dichiarazioni rilasciate da Atlantia, è stata la capogruppo dei deeputati di Forza Italia alla Camera, Maria stella Gelmini, che ha accusato il governo per il ritardo nel trovare una soluzione alla vicenda Alitalia: «A tre giorni dalla scadenza dell’ennesima proroga per la presentazione dell’offerta vincolante, dal governo non arriva uno straccio di certezza su un dossier cruciale». In una nota la deputata forzista attacca il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, e ricorda i numeri del traffico aereo italiano che nel 2018 è cresciuto di quasi il 6 per cento per un volume di passeggeri di circa 185 milioni. In questo contesto  «Alitalia ha il primato dei voli nazionali: ciononostante la compagnia perde un milione al giorno. Se si andasse verso la quinta proroga consecutiva, dopo quelle di gennaio, marzo, aprile, giugno, saremmo di fronte ad un conclamato fallimento del ministro dello sviluppo economico cui dovrebbe essere tolto il dossier di mano per manifesta incapacità».
Un’ulteriore proroga dei termini per la ricerca di un partner per Alitalia, però, non è vista come un problema dal ministro Toninelli che sottolinea: «I dossier vanno ben gestiti e con i tempi giusti e noi lo stiamo facendo, mettendo al centro il rinnovo è il rilancio di Alitalia, spolpata nei decenni dai fenomeni della politica».

Gli italiani preferiscono la soluzione estera
Della questione Alitalia si è occupato anche l’Istituto Swg che, con un sondaggio, ha rilevato le opinioni degli italiani sull’argomento. Per il 51 per cento degli intervistati, la compagnia dovrebbe essere ceduta a un’azienda estera del settore. Il 29 per cento ritiene, invece, che bisognerebbe continuare a cercare una soluzione mista tra compagnie aeree, privati e Trenitalia e, infine, il 20 per cento pensa che la soluzione migliore sia una totale nazionalizzazione con costi a carico dello Stato.

Alitalia
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)
Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 18 =