Allattamento, i Baby Pit Stop Unicef vicini a quota 1000 in Italia

L’iniziativa sta andando avanti spedita e ha raggiunto anche aeroporti, musei, centri commerciali, cinema e biblioteche

allattamento
fonte: unicef.it

Quota mille? Vicina. In Italia si contano attualmente 820 Baby Pit Stop Unicef: 621 al Nord, 100 al Centro e 59 al Sud. Si tratta di postazioni accoglienti, riservate e dedicate alle mamme e ai bambini, dove si può allattare e prendersi cura del piccolo (cambiarlo o farlo giocare). Il nome è stato preso in prestito dal mondo della Formula 1: il pit stop, di solito, serve per fare il pieno di benzina, per cambiare le gomme e per dare un check generale all’elettronica del veicolo durante la corsa. Nei Baby Pit Stop Unicef il pilota è la mamma, mentre il bambino fa il “pieno” di latte. E’ un servizio a costo zero che non prevede sponsor: è vietato, infatti, pubblicizzare o promuovere latte artificiale, pappe, biberon e altri prodotti per l’allattamento.

Da Torino a Reggio Calabria
L’iniziativa pro allattamento sta andando avanti spedita e ha raggiunto anche aeroporti, musei, centri commerciali, cinema e biblioteche. Da Roma a Torino. Da Firenze a Reggio Calabria. «Nel corso degli anni, con l’interesse e il sostegno di istituzioni, enti, esercizi pubblici e privati – dicono dal quartier generale di Unicef – abbiamo realizzato numerosi Baby Pit Stop nei luoghi più diversi e di grande affluenza in linea con l’obiettivo di rendere le città e i luoghi di socialità, sempre più a misura di bambino: dalle amministrazioni comunali, agli aeroporti – come il Leonardo Da Vinci a Roma Fiumicino, l’aeroporto di Torino, il Karol Woityla di Bari e l’aeroporto di Brindisi –  ai Musei come la Galleria degli Uffizi a Firenze, gli 11 Musei Civici di Venezia, il Museo Civico di Torino,  le Scuderie del Quirinale a Roma, la Reggia di Caserta – fino alle Biblioteche, come la Biblioteca Comunale ‘Pietro De Nava’ di Reggio Calabria e agli asilo nido, come quello presso il CEDIR/Centro Direzionale che ospita gli uffici comunali e giudiziari di Reggio Calabria. Questi sono solo alcuni dei luoghi in cui sono stati allestiti i Baby Pit Stop Unicef e speriamo di poter continuare in tante altre città in Italia». 

In fase di aggiornamento
Non ci sono, al momento, una mappa online e una lista da consultare per vedere dove si trovano tutti i Baby Pit Stop sparsi per l’Italia. Anche perché «il programma è in fase di aggiornamento», confermano dall’ufficio stampa di Unicef.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 + 2 =