AstraZeneca, via libera dell’Ema al vaccino. Draghi: “Si riprende”

Via libera dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) al vaccino AstraZeneca. “E’ sicuro, efficace, i benefici sono superiori ai rischi ed escludiamo relazioni tra casi di trombosi” e la somministrazione, ha detto la direttrice di Ema Emer Cooke. I casi di trombosi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca “sono inferiori” a quelli che avvengono tra la popolazione non vaccinata, ha affermato Sabien Straus, presidente del Prac (Commissione di farmacovigilanza). Tuttavia non può essere escluso un legame con i rari casi tromboembolici e perciò occorre avvertire di queste possibilità, ha spiegato la direttrice dell’Ema, Emer Cooke.

Sono stati riportati 25 casi” di eventi tromboembolici rari “su 20 milioni di vaccinati” con AstraZeneca.  La commissione sulla sicurezza dell’Ema “non ha trovato prova di problemi di qualità o sui lotti”. “Lanceremo ulteriori approfondimenti per capire di più” riguardo agli eventi avversi rari segnalati dopo la vaccinazione, ha detto Emer Cooke.

Il foglietto illustrativo del vaccino AstraZeneca “deve essere aggiornato: è importante che venga comunicato al pubblico e agli operatori sanitari perché apprendano meglio queste informazioni, permettendo loro di mitigare questi effetti collaterali”, ha quindi aggiunto Straus.

“La sicurezza e la fiducia nei vaccini sono fondamentali per le vaccinazioni. La priorità della Commissione è sempre stata la sicurezza e l’efficacia di qualsiasi vaccino Covid-19 autorizzato per l’uso nell’Ue. Questo è il motivo per cui abbiamo assicurato che tutti i vaccini, prima di essere somministrati, passino attraverso il controllo di sicurezza rigoroso e indipendente dell’Agenzia europea per i medicinali”. Lo afferma la commissione europea alla salute Stella Kyriakides, dopo lo sblocco dell’Ema. “Questo è sempre stato non negoziabile per noi”, ha aggiunto.

“Il governo italiano accoglie con soddisfazione il pronunciamento dell’Ema sul vaccino di AstraZeneca. La priorità del Governo rimane quella di realizzare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile”, ha commentato il premier Mario Draghi. Domani dalle 15 riprendono quindi le vaccinazioni con il vaccino anti-Covid di AstraZeneca, ha comunicato il ministero della Salute. “Ora serve una campagna di comunicazione per rafforzare il piano vaccinale e riprendere le somministrazioni a pieno regime”, scrive su Twitter Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie.

Tuttavia, Norvegia e Svezia ritengono prematuro riprendere le vaccinazioni e rimandano di almeno una settimana la decisione in merito, alla luce delle informazioni che usciranno dagli ulteriori studi che sta conducendo l’Ema. “La vaccinazione con AstraZeneca rimarrà sospesa fino a quando non avremo un quadro completo della situazione”, ha detto in conferenza stampa il direttore dell’Istituto di salute pubblica norvegese Camilla Stoltenberg. La Norvegia era stato il primo Paese a segnalare casi trombo-embolici gravi.

Subito dopo la conclusione della conferenza stampa dell’Ema, in Francia sono riprese le vaccinazioni con AstraZeneca. La Germania pensa di ricominciare domani.