“Auschwitzland”, la t-shirt fascista diventa un caso  

Una maglietta nera con la scritta ‘Auschwitzland’ che paragona il parco giochi della Disney al campo di sterminio di Auschwitz. Non è passata inosservata la t-shirt indossata da una militante di Forza Nuova durante la manifestazione tenutasi ieri a Predappio (Forlì-Cesena), città natale di Benito Mussolini, per l’anniversario della marcia su Roma del 22 ottobre 1922. Una scelta che ha scatenato in poche ore la polemica in rete, approdando infine anche in Parlamento. 

Il senatore di Leu Francesco Laforgia ha infatti presentato un’interrogazione al Ministro dell’Interno Matteo Salvini. “L’apologia del fascismo, nell’ordinamento giuridico italiano, è un reato previsto dall’art. 4 della legge Scelba attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione”, sottolinea Laforgia, chiedendo al Ministro “se intende applicarla questa legge, se corrisponde al vero che il Ministero fosse a conoscenza dell’autorizzazione della manifestazione, se abbia dato assenso ai due cortei in profonda antitesi fra loro e se intenda equiparare i due cortei, uno organizzato da fascisti e l’altro dall’Anpi; infine, se condivida il paragone di un campo di sterminio ad un parco giochi e quali misure intenda promuovere al fine di evitare il ripetersi di simili episodi”. 

Sulla vicenda è intervenuto via social anche il deputato del Pd Marco Di Maio. “Il fascismo non è un’opinione, è un reato – tuona su Twitter – A #Predappio ennesima carnevalata di nostalgici. Partiranno le denunce. La Giustizia deciderà ancora di non procedere?”, si chiede. “Ora pure il negazionismo – aggiunge – Auschwitz diventa un parco giochi con la maglietta ‘Auschwitzland’. Inaccettabile!!!” 

Il leader nazionale di CasaPound, Simone Di Stefano, si è invece dissociato dal corteo di Predappio. “Maledetti pagliacci mascherati che ogni anno andate a Predappio a disonorare i morti con le vostre sguaiate marcette e fate a gara con chi si mette la maglietta più imbecille perché siete le scimmie ammaestrate degli antifascisti – attacca Di Stefano su Facebook – uscisse Mussolini dalla tomba vi prenderebbe a schiaffi, uno per ogni ragazzo o ragazza caduto combattendo per quell’idea così grande che nel vostro microcervello non riesce e non riuscirà mai ad entrare”. 

(Fonte: Adnkronos)