Lavoro, quanti posti sono stati creati (o persi) da Fanfani a oggi?

Secondo un'analisi pubblicata dal Corriere della Sera con il governo Salvini-Di Maio - Conte si perdono 1131 posti di lavoro al giorno. Per l’Italia si profila il fantasma della crescita zero: le aziende sono sempre più incerte e spaventate dalla crisi

posti di lavoro

Secondo uno studio del Corriere della Sera non è mai andata così male negli ultimi 40 anni: sotto il governo Di Maio-Salvini-Conte si perdono 1131 posti di lavoro al giorno. Calcolatrice alla mano sono poco meno di 70.000 in due mesi. Il grafico del quotidiano milanese, basato sui dati Istat e Banca d’Italia, boccia l’avvio delle attività del tandem M5S-Lega. Per l’Italia, dunque, compare il fantasma della crescita zero. Un dietrofront netto dell’economia italiana che quindi dà segni di una debolezza sempre maggiore. Anzi, di incertezza. Le aziende sono spaventate dalla crisi e non investono sul personale a causa di tante problematiche, in primis per la pressione fiscale. Il pollice in giù è un campanello di allarme: si va ad aggiungere al sistema dei pagamenti della Banca Centrale Europea che ha contestato al nostro Paese un accumulo di debito di 45 miliardi di euro nel periodo che va da maggio a luglio 2018. In rosso anche il saldo occupazionale: secondo l’Istat, l’Italia ha 90.000 posti di lavoro a tempo indeterminato in meno (compensati parzialmente dai 24.000 contratti precari netti).

Il grafico con i dati Istat e Banca d’Italia

Retrocessioni
Il grafico evidenzia che l’ultima retrocessione non avveniva dal governo targato Letta, in carica dal 28 aprile 2013 al 14 febbraio 2014. All’epoca erano 290 i posti di lavoro che si perdevano ogni giorno. Comunque meglio dei predecessori: Monti (-609) e Berlusconi IV (-485). Il numero uno di Forza Italia è andato in rosso anche nel suo primo mandato (-833), ma non nel secondo e nel terzo (+462). Negativo il bilancio di Amato-Ciampi (-901), governo in carica prima dell’ingresso del Cavaliere in politica.  

Segno più
Si viaggiava a ritmi alti prima dell’ultima chiamata alle urne. Il governo Gentiloni macinava 996 posti di lavoro creati ogni 24 ore. Si tratta del record assoluto degli ultimi 40 anni. Anche con Renzi il saldo era positivo: +596. Numeri molti simili ai governi guidati da Prodi, Amato e D’Alema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here