Maxi-penali per le banche: ma la stangata è per i cittadini

banche

Nei giorni scorsi su Repubblica è apparso un articolo che provava a far luce su quello che potrebbe essere il destino dei correntisti italiani. In particolare si segnalava il fatto che le banche, penalizzate dall’abbassamento dei tassi di interesse al di sotto dello 0% per volere della Bce, starebbero alzano i costi delle spese per i servizi bancari.

11 gennaio 2014 è la data chiave

Il pezzo, apparso nell’edizione dl 4 febbraio, segnala come la data da cui scaturisce questo destino è quella dell’11 gennaio 2014. In quell’occasione la Banca Centrale Europea per irrorare le economie d’Europa portò i tassi sui depositi bancari alla Bce al di sotto dello zero. A scavare più a fondo ci pensò anche Eurotower che avrebbe portato il tutto addirittura al -0,5%. Questo, secondo Deposit Solutions, sarebbe costato alle banche penali per 25 miliardi pagati tra il 2014 ed il 2019. Un solo miliardo sarebbe stato versato dalle banche italiane.

Aumenti di poco al di sotto del 30%

Si tratta, però, di costi che stanno pagando anche e soprattutto le famiglie. Secondo quelle che sono le rilevazioni, sono essenzialmente due i servizi che hanno subito un rialzo dei costi: quelli del conto corrente ed è in atto una sorta di penalizzazione verso le alte giacenze. In sostanza persino la liquidità diventa un costo. Una tegola non da poco in un Paese come l’Italia caratterizzata dal grande risparmio privato.
Secondo i dati di Bankitalia nel 2018 i costi bancari sarebbero aumentati 7,5€ e avrebbero raggiunto per ciascun conto corrente una tariffa media di 87 euro. Sostariffe ha segnalato rincari complessivi del 29% sulle banche on line e 27% per quelle tradizionali.

Oggi avere un conto su internet costa 60 euro, a differenza dei 45 di poco tempo fa.

La media complessiva dei costi per i servizi bancari per gli italiani è passata dai 55 euro del 2019 ai 70 attuali.

E resta da mettere in evidenza il fatto che i conti completamente gratuiti si stanno estinguendo anche on line.