“Sempre meglio muoia un renziano che uno di sinistra”. Bufera sull’esponente Pd

“Sempre meglio che muoia un renziano che uno di sinistra». È bufera per il post su Facebook scritto da Samuele Agostini, segretario comunale del Pd di Casciana Terme Lari, in provincia di Pisa. Poche righe, collegate all’emergenza del coronavirus, che hanno indignato gli esponenti di Italia Viva sia a livello toscano che nazionale e che hanno poi suscitato anche la condanna da parte del Pd.

Ha scritto Agostini: «Poi, oh, se prendessi il virus e m’accorgo che sono spacciato, un minuto prima di morì prendo la tessera di Italia Viva. Sempre meglio che muoia un renziano che uno di sinistra. Ps: non ho espresso un auspicio, spero resti una eventualità remota. E di campare almeno altri 60 anni dopo la scomparsa di Italia Viva».

Il Pd della Toscana fa sapere che “Samuele Agostini è stato sospeso e segnalato ai garanti”. Nel Partito Democratico non c’è spazio per parole di odio. Per questo ho provveduto a sospendere Samuele Agostini per le affermazioni gravi che non rappresentano i democratici di Casciana Terme Lari e non fanno parte dei valori di rispetto e responsabilità su cui si fonda la nostra comunità politica. Gravi sue parole contro Italia Viva. Non vogliamo che certe affermazioni vengano associate alle comunità del pd”.  Ha scritto in un post Simona Bonafè