Calcio, Dal Pino apre ai tifosi

Soldi, sponsor, investimenti sono necessari per tornare a valorizzare il prodotto. E rifare della A il torneo più divertente e seguito. Presto anche dal vivo. Nell’intervista americana Dal Pino spiega: «Dobbiamo avere prudenza e pazienza, ma siamo fiduciosi che se la situa- zione sanitaria continua a mi- gliorare, il graduale ritorno dei tifosi negli stadi sarà una real- tà, magari parzialmente dal prossimo mese». Un’idea che deve ancora essere strutturata nei dettagli e che sarà poi trat- tata come ordine del giorno in una delle prossime assemblee. Anche per governo e Cts la so- luzione non è di stretta attuali- tà: ma se ne riparlerà.

DIRITTI TV

Altro argomento di giornata saranno invece i diritti tv: si attende la decisione del tribunale sul de- creto ingiuntivo presentato nei confronti di Sky, che nei pros- simi giorni dovrebbe pagare la prima rata dei diritti del nuovo anno. Ha invece scelto di non saldare l’ultima tranche della stagione in corso. L’ammonta- re versato finora copre l’83% delle partite, il resto no: la Lega opterà per chiudere il segnale? E’ una minaccia concreta, ma si cercheranno anche soluzioni alternative. La discussione su quale atteggiamento opporre potrebbe però essere rinviata ai prossimi giorni. Dazn e Img in- vece salderanno la loro quota entro il 20 luglio. Su come af- frontare il rapporto con i broa- dcaster i club si sono sempre trovati concordi. Per la soddi- sfazione di Dal Pino: «In Lega c’è più unita di prima. Non es- sendoci partite né discussioni in cui criticavano gli arbitri o i giocatori, e non avendo contro- versie, è stata eliminata molta della tensione. Abbandonare la stagione avrebbe avuto un se- rio impatto sul valore sia dei club sia dei giocatori».