Calcio, il padre del fenomeno Kean: «Sono della Lega e mi piace Salvini»

Il genitore dell'attaccante della Nazionale e della Juventus: «Ho fatto la domanda, ma non ho ancora la cittadinanza italiana. Aiutiamoli a casa loro»

calcio

Si chiama Moise Kean, gioca a calcio, è nato in Italia da genitori della Costa d’Avorio nel 2000, precisamente a Vercelli (ma è cresciuto ad Asti). Fa parte della rosa della Juventus. Ed è l’uomo immagine dell’Italia targata Mancini, dopo aver scalato tutte le selezioni giovanili del pianeta azzurro, partendo dall’Under 15. Ieri, durante la gara Italia-Liechtenstein, ha segnato ancora, confermandosi un attaccante dal futuro assicurato. Non a caso il suo procuratore risponde al nome di Mino Raiola, il manager di Ibra, Donnarumma, Verratti e Pogba.

In radio
Sempre ieri, Biourou Jean Kean, il padre del baby attaccante, è intervenuto ai microfoni di Rai Radio1 durante il programma “Un Giorno da Pecora”. Le sue parole sulla politica italiana hanno fatto discutere: «Ho fatto la domanda, ma non ho ancora la cittadinanza italiana. Io mi considero leghista: mi piace la politica di Salvini e la Lega. La questione migranti? Sto cercando un’associazione per bloccare l’immigrazione dalla partenza. Sarebbe giusto aiutarli a casa loro…».

La risposta di Salvini
Il leader della Lega ha risposto al padre di Kean attraverso un post du Twitter: «Parole di buonsenso, questa è la strada che stiamo percorrendo. Grazie al signor Kean».

  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here