Cambiamenti climatici, la scelta di Greta non convince gli italiani

La giovane attivista svedese ha scelto di prendersi un anno sabbatico per concentrare le sue attività in difesa del clima

cambiamenti climatici

Durante l’ultimo anno, Greta Thunberg, la 16enne svedese che tutti abbiamo imparato a conoscere per le sue battaglie sui cambiamenti climatici, ha girato il mondo partecipando a numerosi incontri in difesa dell’ambiente e incontrando numerosi leader mondiali, tra cui Papa Francesco e l’ex presidente Usa, Barak Obama. È stata anche in Italia durante un evento a piazza del Popolo organizzato in suo onore e, fino all’ultimo, lei e la storia della sua battaglia in difesa per l’ambiente sono state tra gli argomenti più gettonati per le tracce dell’esame di Maturità. Tuttavia, ciò che l’ha resa famosa agli onori delle cronache, è stato il suo modo particolare di protestare, indicendo uno sciopero personale da scuola tutti i venerdì. Una scelta che ha sollevato anche alcune critiche da parte di chi, malignamente, scambiava il suo attivismo come un modo per saltare le lezioni. Tuttavia, le malignità sono state spazzate via da Greta stessa che ha divulgato i voti della sua ultima pagella: tutte A e B per una promozione a pieni voti.

Cosa pensano gli italiani
Nonostante questo, però, la piccola Greta ha deciso che l’impegno profuso finora non è sufficiente e ha scelto di prendersi un anno sabbatico per dedicarsi maggiormente a stimolare le coscienze di governanti e istituzioni verso i cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile. A questo proposito l’Istituto Swg ha realizzato un sondaggio in cui ha interrogato gli italiani su quanto siano d’accordo sulla decisione della studentessa svedese. Il risultato ha visto gli intervistati, quasi divisi a metà sull’argomento: infatti, il 46 per cento ha definito un errore la scelta di Greta dicendosi poco (23 per cento) o per nulla (23 per cento) d’accordo, mentre il 40 per cento ha valutato la decisione molto (16 per cento) o abbastanza (24 per cento) favorevolmente.

cambiamenti climatici
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)