Carige: domani assemblea Fitd in attesa cda Cassa centrale banca  

Domani a Roma l’assemblea dello schema volontario del Fondo interbancario delibererà sulla conversione in azioni del bond subordinato Carige da 318 mln, a quasi otto mesi dalla sua sottoscrizione, con uno schema di operazione di salvataggio, e senza ancora nessuna formalizzazione di offerte da parte di uno dei nuovi protagonisti della cordata, Cassa centrale banca.  

Tuttavia, dopo quel 13 maggio in cui il Consiglio di gestione del Fitd decise di tornare indietro sui suoi piani di conversione del bond alla luce del ritiro di BlackRock, la sensazione è che in questo caso non ci dovrebbero essere simili incidenti di percorso. Le banche aderenti allo Schema volontario dovrebbero dare alla conversione un via libera “condizionato” al verificarsi di una serie di eventi, per lo più riscontri dagli altri soggetti coinvolti.  

Il piano che è stato studiato nelle ultime settimane vale circa 900 milioni, di cui 700 milioni di aumento di capitale, con il coinvolgimento del Fondo interbancario obbligatorio e dell’altro ‘main partner’, Cassa centrale banca, che proprio mercoledì riunisce il suo consiglio di amministrazione. La riunione è fissata da tempo, si apprende, ma non è escluso che il gruppo cooperativo faccia delibere ufficiali. Per ora, dovrebbe entrare con una quota di poco sotto il 10%, per poi salire, una volta autorizzata dalla Bce. Secondo quanto si è appreso a margine dell’ultima riunione del Fitd a Milano, Ccb sarebbe disponibile a crescere nel capitale ma solo se sarà definita un’operazione di salvataggio insieme anche ad altri attori, come Credito Sportivo e Mediocredito Centrale.  

(Fonte: Adnkronos)

Annunci