Carri armati vicino confine Russia-Ucraina 

Tensione al confine tra Russia e Ucraina. La quantità di sistemi d’arma portati dalla Federazione russa al confine con lo Stato ucraino è aumentata in modo drastico di recente. In particolare, Mosca ha spostato 300 carri armati T-62 dalle regioni orientali a una base vicina al confine con l’Ucraina. 

Il nuovo dislocamento è avvenuto mentre erano in corso le manovre ‘Vostok 2018’ (lo scorso settembre, ndr): è quanto denuncia il capo di Stato maggiore ucraino, Viktor Muzhenko, in un intervento su una rete televisiva locale. “La natura di tali spostamenti dimostra che potrebbero essere creati a breve raggruppamenti offensivi significativi, con obiettivo l’Ucraina. Quindi – ha precisato – non consideriamo solo una direzione, dalla regioni di Luhansk e Donetsk, ma anche dai confini dell’Ucraina di nord est, centro e sud”. 

(Fonte: Adnkronos)