Casalino si difende  

Parla di attacchi vergognosi e di come “la peggior macchina del fango di sempre” si sia messa in moto contro di lui. Rocco Casalino si difende così, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, dopo l’ennesima polemica in cui è rimasto coinvolto per le sue parole contro “vecchi” e “down” risalenti al 2004 e rese pubbliche da un video diffuso in Rete. Il portavoce del premier Giuseppe Conte, dando la sua versione dei fatti, spiega che all’epoca frequentava una scuola di recitazione e, intervenendo a un corso di giornalismo, fece quella che definisce una “recita” perché gli era stato “esplicitamente chiesto di provocare gli studenti”.  

Casalino è finito nel mirino anche per le sue affermazioni su Hitler e gli ebrei . “Pensare che possa essere omofobo, razzista, xenofobo, classista o intollerante verso una qualsiasi categoria è semplicemente un’assurdità”, dice il portavoce del premier respingendo con forza le accuse. “Sono omosessuale e ho vissuto da emigrante in Germania negli anni 70 e 80 quando essere italiano – afferma – implicava essere insultati a giorni alterni come “spaghettifresser”. Fressen significa mangiare ma si usa solo per gli animali. Ho vissuto sulla mia pelle da sempre già da bambino – continua – la discriminazione e il bullismo”. E conclude: “Parla la mia storia personale”. 

(Fonte: Adnkronos)