Cassa integrazione coronavirus, Salvini: ‘Paghino le banche o cittadini dovranno aspettare due mesi’

Matteo Salvini, attraverso i suoi profili social, ha inteso segnalare quella che potrebbe essere una criticità per i cittadini. A suo dire esiste il rischio che i cittadini, oggi a casa per l’emergenza coronavirus, rischierebbero di non percepire neanche un centesimo prima di trenta o sessanta giorni.

Ciò che allarma il leader della Lega è che, al momento, poche imprese potrebbero avere la capacità di versare sui conti dei propri dipendenti le cifre che dovrebbero arrivare dalla cassa integrazione in deroga.  Anche per loro tutto sarebbe complesso  visti mancati incassi.

La soluzione proposta dalla Lega sarebbe quella di affidare al governo e allo Stato il ruolo di garante verso banche che dovrebbero anticipare le cifre ai lavoratori.

Secondo Matteo Salvini spetta alla Lega, in quanto opposizione e prima forza politica del Paese, mettere in piedi proposte.  E lui stesso rivendica il fatto che le idee del Carroccio sono contenute in 19 articoli che saranno posti all’attenzione del governo.

Ecco il video in cui il leader della Lega spiega le sue idee: