Circoncisione, Lega: «Fermare la deriva infanticida»

Sull'argomento è intervenuta anche il ministro della Salute, Giulia Grillo: «L'assoluta priorità è individuare un protocollo per la sicurezza dei bambini»

circoncisione

Una circoncisione fatta in casa potrebbe essere stata la causa della morte di un neonato, a Genova. In caso di conferma, dopo l’autopsia, si tratterebbe del terzo caso in poco tempo di decessi per le medesime circostanze. Per la morte del piccolo sono state arrestate la madre e la nonna, due donne di origini nigeriane di 25 e 50 anni, mentre un uomo nigeriano di 34 anni è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria dopo essere stato rintracciato a Ventimiglia.
Sull’episodio è intervenuto il ministro della Salute, Giulia Grillo, che ha commentato su Twitter: «Dopo il caso di qualche giorno fa un altro bimbo è morto per circoncisione fatta in casa, è urgente trovare soluzioni. Il tema è complesso e bisogna confrontarsi con le autorità religiose. Ma l’assoluta priorità è individuare un protocollo per la sicurezza dei bambini».

Stop alla deriva infanticida
E la Lega ha diffuso un comunicato dei suoi parlamentari all’interno della commissione bicamerale per l’Infanzia e l’adolescenza: Rossana Boldi, Laura Cavandoli, Ketty Fogliani, Claudia Gobbato, Raffaella Fiormaria Marin, Simone Pillon, Maria Saponara.
Nel testo si legge: «La circoncisione maschile in casa eseguita da chi non è medico è una pratica aberrante. Questa deriva infanticida va vietata subito con norme chiare e precise. È  una priorità assoluta di cui tutte le istituzioni interessate devono farsi carico con urgenza. Nessuno mette in discussione tradizioni religiose e culturali, ma prima di tutto viene sempre la sicurezza e la salute dei bambini. È un principio inviolabile che nessuno può aggirare con la scusa della finalità rituale. La circoncisione è innanzitutto un vero e proprio intervento chirurgico e come tale va eventualmente effettuato da personale medico in presìdi o strutture sanitarie autorizzati».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × cinque =