Clima, gli sforzi di Greta apprezzati dalla maggioranza degli italiani

Il discorso della giovane attivista alle Nazioni Unite ha, in poco tempo, fatto il giro del mondo grazie al grande seguito creato dalle iniziative della piccola svedese in difesa dell'ambiente

clima

Il suo discorso tenuto alle Nazioni Unite ha fatto in breve il giro del mondo. Stiamo parlando della giovane attivista Greta Thunberg che, di fronte ai rappresentanti dei vari Paesi del mondo è arrivata quasi alle lacrime durante il suo intervento alla conferenza sul clima: «Siamo all’inizio di una estinzione di massa e tutto quello di cui siete capaci di parlare è il denaro e favole di un’eterna crescita economica». In appena un anno la 16enne svedese è diventata il simbolo della difesa mondiale dell’ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici coinvolgendo un gran numero di persone nel mondo, pronti ad accorrere a ogni manifestazione in cui Greta è presente. La protesta è iniziata quando la ragazza, per sensibilizzare i governi a intraprendere azioni a favore dell’ambiente decise di iniziare a “scioperare”, non andando a scuola ogni venerdì per andare a sedersi sotto la sede del parlamento svedese con dei cartelli recanti slogan a sostegno della sua causa. Questo gesto ha ispirato i Friday for Future (il prossimo si terrà domani, 27 settembre), i venerdì in cui nel mondo si organizzano manifestazioni per il clima, nel mondo. Inizialmente, nelle intenzioni di Greta, tutto sarebbe dovuto durare un anno, fino alle elezioni per il rinnovo del parlamento, ma la portata del suo messaggio ha travalicato i confini svedesi portandola a proseguire la sua lotta.

Apprezzati gli sforzi
Anche gli italiani non sono rimasti impassibili davanti alle iniziative portate avanti da Greta (basti ricordare la partecipazione alla manifestazione a Roma a piazza del Popolo), come risulta anche da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg. Al quesito posto a un campione rappresentativo nazionale di 1000 soggetti maggiorenni il 57 per cento ha detto di ritenere molto (22 per cento) o abbastanza (35 per cento) importante l’attività che sta svolgendo la giovane a difesa dell’ambiente. Per contro i contrari sono stati il 35 per cento degli intervistati, mentre l’8 per cento non ha espresso un parere sul quesito.

clima
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)