Coronavirus, chi è Vittorio Colao scelto dal governo per la ripartenza

Un passato da amministratore delegato di un grande gruppo come Vodafone, una laurea in Bocconi e un MBA ad Harvard. È questo il profilo di Vittorio Colao, l’uomo che è stato scelto per guidare la task force di esperti – giuslavoristi ed economisti – incaricata dal premier Giuseppe Conte per uscire dalla crisi determinata dall’emergenza Covid-19.

COLAO

Vittorio Colao, 59 anni, di Brescia è laureato all’università Bocconi di Milano e ha un Master in Bussiness Administration (un MBA) all’università di Harvard. Comincia la sua carriera a Londra, nella banca d’affari Morgan Stanley. Passa poi a McKinsey & Company, multinazionale di consulenza strategica, nella sede di Milano, mentre è il 1996 quando diventa direttore generale di Vodafone Italia, allora Omnitel, per poi esserne nominato amministratore delegato nel 1999.

Nel 2004 Colao lascia Vodafone per diventare amministratore delegato di Rcs Media Group: ruolo che terrà per due anni. Nel 2006 torna a lavorare per Vodafone, diventando vice amministratore delegato a capo della divisione Europe. Nel luglio 2008 sostituisce Arun Sarin come Ad di Vodafone. Nel 2014 viene insignito dell’onorificenza di Cavaliere del Lavoro, mentre nel 2018 annuncia le sue dimissioni dalla società.

Dopo 20 anni ai vertici del gruppo Vodafone, aveva detto di volersi “reinventare”. Lavorando poi per la società inglese di private equity General Atlantic come special advisor per sviluppare strategie per la crescita globale degli investimenti con attenzione nei settori delle telecomunicazioni e consumer.