Colpo alla nuova Cupola mafiosa  

    Maxi blitz antimafia dei carabinieri nei confronti di 46 fra boss e gregari. Come si vede nel video diffuso dai militari la Cupola di Cosa nostra è tornata a riunirsi, il 29 maggio scorso. Non accadeva dal 1993. I capi delle famiglie di Palermo infatti si sono ritrovati per eleggere il nuovo padrino, l’erede di Totò Riina morto un anno fa. E’ l’ottantenne Settimo Mineo, ufficialmente gioielliere con negozio in centro, il più anziano fra i boss della mafia siciliana. Il giudice Falcone l’aveva arrestato nel 1984 e lui spavaldo aveva detto all’interrogatorio:”Non so di che parla, cado dalle nuvole”. Ma il mandato di Settimo Mineo si è concluso: all’alba, la procura di Palermo diretta da Francesco Lo Voi ha fatto scattare l’operazione. E tra i fermati c’è anche il capo dei capi che avrebbe dovuto inaugurare la nuova era mafiosa. (Video Carabinieri) 

    (Fonte: Adnkronos)