Coming out, chi vuole farlo teme per il posto di lavoro

Lo rivela un'indagine del Boston Consulting Group sulle condizioni dei dipendenti Lgbt

coming out

L’80 percento dei lavoratori dichiara di essere pronto a rivelare il proprio orientamento sessuale al lavoro, se l’opportunità si presenta. Ma solo la metà dei dipendenti Lgbt lo ha già fatto. Un dato influenzato dal fatto che più di un terzo dei professionisti Lgbt (35 percento) crede che fare coming out sul lavoro potrebbe mettere a rischio la carriera. Questi dati emergono dalla nuova indagine di The Boston Consulting Group, che ha coinvolto oltre 4mila partecipanti, sotto i 35 anni, di 60 nazionalità in dodici paesi (tra cui Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Paesi Bassi, Messico, Stati Uniti e Brasile).

I numeri dell’indagine
Tra le evidenze del report emerge, inoltre, come le donne facciano coming out meno degli uomini (il 14 contro il 20 percento), così come i bisessuali rispetto agli omosessuali (il 25 contro il 28 percento).
L’ambizione professionale prende, dunque, la priorità rispetto alla condivisione dell’orientamento sessuale e questo sentimento è più evidente in situazioni particolari. Il 46 percento dei dipendenti Lgbt intervistati ha, infatti, ha dichiarato di mentire direttamente o per omissione ai propri dirigenti sul tema dell’orientamento sessuale durante conversazioni informali. Allo stesso modo, il 13 percento ha dichiarato di dare priorità alla propria ambizione professionale, accettando anche di lavorare (con riluttanza) su progetti in paesi in cui l’omosessualità è criminalizzata.
In termini di integrazione professionale dei talenti Lgbt emergono importanti differenze a livello di paese. In testa alla classifica si trovano Regno Unito e Olanda, dove circa il 90 percento dei dipendenti Lgbt si dice a proprio agio nell’ambiente professionale. Spagna e Italia, invece, sono in fondo, e oltre il 30 percento del totale dei partecipanti al sondaggio non si sente a proprio agio a lavorare in questi paesi. In Francia, Germania, Stati Uniti, Messico e Brasile c’è ancora spazio di miglioramento: solo il 75 percento degli intervistati Lgbt ha dichiarato di sentirsi a proprio agio.

I posti di lavoro più attraenti
Lato azienda, le grandi imprese hanno ancora del lavoro da fare: tra gli intervistati Lgbt il 58 percento vorrebbe lavorare in tali organizzazioni, 11 punti percentuali in meno rispetto alla percentuale dichiarata dai non-Lgbt. Anche le startup fanno fatica, rivelandosi interessanti solo per il 19 percento degli intervistati Lgbt, rispetto al 26 di quelli non-Lgbt+. I datori di lavoro del settore pubblico e non profit sono invece relativamente più attraenti: da 6 a 10 punti percentuali in più tra i candidati Lgbt rispetto a quelli non-Lgbt.Per attirare giovani talenti Lgbt non basta pensare al recruiting. Per questi candidati, infatti, la cultura inclusiva (cioè Lgbt friendly) è tra i tre criteri principali (addirittura il primo in Germania e Nord America) per accettare un’offerta di lavoro, più importante – in media – del prestigio del datore di lavoro. Le aziende, dunque, devono intraprendere azioni concrete per attrarre e mantenere i talenti Lgbt.Indipendentemente dal Paese, gli intervistati cercano una cultura non discriminante e la garanzia di non dover lavorare in un paese contrario alla comunità Lgbt. Per attrarre questi talenti, i datori di lavoro dovrebbero sviluppare reti di supporto Lgbt, sensibilizzare tutta la forza lavoro su queste tematiche e garantire ai colleghi l’accesso agli stessi benefit (ad esempio, l’assicurazione sanitaria per i partner dello stesso sesso in paesi dove non è un obbligo legale).

La situazione nel nostro Paese
In Italia, l’ambiente di lavoro ha un livello di maturità, riguardo all’inclusione Lgbt, più basso rispetto agli altri Paesi intervistati: il 33 percento degli intervistati Lgbt non si sente a proprio agio al lavoro e non si sente pronto a fare coming out. Ben lontano dalle percentuali dell’Olanda (7 percento), dell’Inghilterra (11 percento), ma anche di quella cumulativa di Germania, Svizzera e Austria (16 percento) e della Francia (24 percento). Solo la Spagna registra una percentuale più alta pari al 38 percento.
Inoltre, addirittura il 40 percento degli intervistati Lgbt ritiene che fare coming out potrebbe comportare un rischio a livello professionale, una percentuale più alta della media totale rilevata dall’indagine (35 percento).
Un quarto dei partecipanti italiani alla survey si dichiara riluttante ad accettare di lavorare in un paese ostile all’Lgbt, tra le percentuali più alte dei paesi intervistati (la media rilevata è 13 percento) e il 51 percento mentirebbe sul proprio orientamento sessuale in una conversazione informale con il manager sul posto di lavoro (contro la media del 46 percento).

Le priorità per gli intervistati Lgbt
Nella scelta di un posto di lavoro, in Italia resistono al primo e al secondo posto categorie più tradizionali come lo stipendio e la reputazione delle aziende, mentre la cultura inclusiva dell’azienda rispetto alla comunità Lgbt si posiziona sul podio al terzo posto. Cosa rende un’azienda interessante per la comunità Lgbt? Per gli intervistati italiani, le caratteristiche principali sono, in linea con le preferenze europee, una cultura non discriminante e la garanzia di non dover lavorare in un paese contrario alla comunità Lgbt. Al terzo posto, in ordine di importanza, si trova la promozione di benefit inclusivi, mentre sono giudicati meno importanti i programmi di mentorship e la partecipazione al Pride.

Fonte: AdnKronos

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 1 =