Confindustria, senza liquidità a rischio anche le imprese solide

Il crollo del cash flow dell’ultimo anno “crea un problema di liquidità che può diventare di solvibilità senza misure adeguate” e “mette a rischio la sopravvivenza anche di quelle imprese che prima dell’epidemia avevano bilanci e prospettive solide”. Lo osserva il Centro studi di Confindustria in audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, sottolineando che da un lato “è importante mantenere le misure” che hanno compensato la carenza del cash flow “fino all’uscita dalla crisi come indica il Def”.