I sindacati scrivono a Conte, serve un appuntamento per la fase 2

manovra

I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, hanno scritto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per chiedere – si apprende – la convocazione di un nuovo incontro in vista del decreto di aprile e dell’avvio della fase due, in modo da “verificare e definire le migliori condizioni capaci di coniugare il contenimento-contrasto del virus Covid-19, tutela della salute e ripresa delle attività sociali, economiche e produttive”.
Richiamando lo “spirito costruttivo che sta caratterizzando le nostre relazioni in questa difficile e inedita emergenza sanitaria, economica e sociale”, i tre leader di Cgil, Cisl e Uil sollecitano la convocazione di un incontro. “A seguito di quanto contenuto nei Dpcm del 10 aprile 2020, poterci confrontare in tempi utili per verificare e definire le migliori condizioni capaci di coniugare il contenimento-contrasto del virus Covid-19, tutela della salute e ripresa delle attività sociali, economiche e produttive”, scrivono.