Conti pubblici: Fornero, ‘quota 100 e reddito cittadinanza non erano priorità’  

“Posto che una manovra non può contenere tutto quello che vorremmo, bisogna stabilire delle priorità. L’occasione l’abbiamo già persa l’anno scorso con la legge di bilancio per il 2019, che ha contenuto cose che non rappresentavano la priorità per il Paese. Come quota 100, e quota 100 per fare occupazione lo era anche meno. E sul reddito di cittadinanza, io condivido modalità di contrasto alla povertà ma le modalità scelte per farlo secondo me sono state ambigue”. Così l’economista Elsa Fornero, già ministro del Lavoro, in collegamento con il Festival del lavoro a Milano, che non ha potuto raggiungere per via del maltempo.  

Per Fornero, sulle due misure “ci sono stati dei risparmi rispetto a quanto preventivato dal governo proprio perché non erano considerate delle priorità dalla popolazione”. “E poi non sono risparmi – avverte – perché quelle misure sono a debito. E quindi avere meno debito dovrebbe essere un obiettivo importante”.  

“Credo che continuare a dire che vogliamo ridurre le tasse e il cuneo fiscale senza indicare le modalità sia semplicemente irresponsabile”, ha detto. “Servirebbe un governo che dica la verità e invece qui mi sembra che ci sia un governo che ogni tanto, anche con una certa tracotanza, dice un sacco di bugie o alimenta un sacco di illusioni”, ha rimarcato. 

 

(Fonte: Adnkronos Labitalia)

Annunci