Coronavirus: 257 positivi al tampone, sorpresi in giro. Partono le denunce, rischiano la galera

Il coronavirus, purtroppo o per fortuna, ha due facce. C’è chi lo vive in maniera fortemente sintomatica e magari si trova in un letto d’ospedale intubato a lottare tra la vita e la morte.

C’è chi, invece, rischia di non avere neanche i sintomi dell’influenza. Il risvolto negativo della cosa è che, venendo a contatto con anziani o immunodepressi, rischia di diventare un diffusore del Covid-19. Ed è essenzialmente questo il motivo per il quale chi risulta positivo al tampone, pur non avendo alcun tipo di fastidio è chiamato a restare in isolamento.

A quanto pare questo non è chiaro a molti. Secondo, infatti, quanto riportano i dati del Viminale 256 positivi al coronavirus avrebbero violato le restrizioni.

I dati riguardano il range temporale tra il 26 ed il 29 marzo. Sono stati sorpresi a spasso con il cane, a fare la spesa o a svolgere cose che non avrebbero in alcun modo giustificato la loro presenza a potenziale contatto con altre persone.

Adesso rischiano la denuncia per epidemia colposa e fino a cinque anni di carcere.

idemia: ‘Impossibile avere data precisa, almeno 4 mesi’