Coronavirus anche in Africa, Salvini: ‘Se sbarca un infetto denuncio il Ministro ‘

Attorno al tema “coronavirus” si annidano diversi dibattiti. C’è quello scientifico che si interroga su quali potrebbero essere le proporzioni del problema e le conseguenze a livello mondiale.  C’è anche quello politico, considerato che favorire gli spostamenti da e verso le zone a rischio è oggetto di dibattito.  Quello che, però, è certo che potrebbe diventare un vero problema è  la possibilità che il virus raggiunga zone dove la scarsa disponibilità di strumenti monitorare e contrastare il fenomeno

Coronavirus arrivato in Africa

Un po’ di allarme si è levato nel mondo scientifico dopo che è stato conclamato il primo casi di coronavirus in Africa.  Il fatto che in un continente privo delle possibilità sanitarie europee o anche asiatiche possa trovarsi a fronteggiare un’emergenza virale suscita allarme anche per il potenziale effetto domino.  Basti pensare, ad esempio, al fatto che esiste il rischio, quantomeno potenziale, che dal territorio africano possa partire un barcone con un solo infetto.

Salvini minaccia denunce

Accade, dunque, che il dibattito torni in politica. Ed è quello che accade quando Matteo Salvini lancia un messaggio chiaro, proprio nei giorni in cui vengono messi in discussione i suoi decreti sicurezza che utilizzano il pugno duro contro l’immigrazione, tagliando i fondi ed inaspriscono le sanzioni contro le Ong che violano la regola dei porti chiusi.

“Se scende da un barcone – ha detto – uno con il coronavirus denuncio il ministro per attentato alla salute pubblica”.

Il riferimento va, naturalmente, al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che ha preso il suo posto alla reggenza del Viminale.