Coronavirus, obbligo di mascherina in Lombardia. Borrelli: “Io non la porto”

La Lombardia non deve mollare la presa della lotta al coronavirus. E’ quando chiede il Governatore Attilio Fontana che ha previsto che da oggi nella regione si potrà andare in giro solo indossando una mascherina. Misure ancora più strette, perché “non abbiamo ancora raggiunto nessun obiettivo, non abbiamo concluso nessuna opera”.

Borrelli capo della Protezione Civile

L’obbligatorietà di dover indossare la mascherina non è piaciuta a Borrelli: “Io non la uso perché rispetto le distanze. E’ importante indossarla se non si rispettano le distanze”.
Dato che, però, le mascherine non si trovano con facilità, dalla Regione Lombaridia hanno stabilito che si potranno usare anche sciarpe, e foulard. E, poi, che i negozi di alimentari e di prima necessità, ossia quelli ancora aperti, dovranno fornire ai clienti “guanti monouso” e disinfettanti “per l’igiene delle mani”.

ATTIVITA’

Resta confermata la chiusura degli alberghi, degli studi professionali, dei mercati e di tutte le attività non essenziali. Si potranno, però, spiega la Regione, “acquistare articoli di cartoleria”, utili soprattutto per i bimbi che stanno in casa, in supermarket e altri negozi aperti e la vendita di fiori e piante sarà possibile “solo con la consegna a domicilio”. Sullo stop ai cantieri edili, già previsto nel precedente provvedimento e confermato nel nuovo, sarà il Governo a dover decidere.