Coronavirus, contagiato un italiano

C’è un caso di coronavirus tra i 56 italiani rimpatriati dalla zona di Wuhan in Cina e messi in quarantena nella città militare della Cecchignola, a Roma. La conferma è arrivata dall’Istituto superiore di sanità che ha comunicato l’esito positivo del test alla task force del ministero della Salute, precisando che il paziente è stato ricoverato all’istituto Spallanzani con “modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale”. Il paziente è attualmente ricoverato all’istituto Spallanzani con “modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale”.

IN STANZA DA SOLO

Il ventinovenne era stato in Cina per andare a trovare la fidanzata. Alla Cecchignola era in una stanza singola. Neanche un raffreddore o un colpo di tosse e al controllo della febbre del mattino che si fa praticamente davanti a tutti, ciascuno schierato dinnanzi alla porta della propria stanza, non era scattato alcun allarme. Solo un fastidio agli occhi che però non tutti avevano captato. Qualcosa era andato storto con i tamponi effettuati dall’equipe militare il giorno prima: uno dei test ha dato esito positivo e ha innescato il protocollo sanitario di grado superiore.