Coronavirus, Di Maio attacca la CNN: “Visione distorta della realtà”

“La CNN mostra una cartina in cui sembra che l’Italia sia l’origine del focolaio del Coronavirus. Questa è una visione distorta della realtà”. Lo scrive sul proprio profilo facebook Luigi Di Maio, Ministero degli Esteri del Governo ed ex Capo politico del Movimento Cinque Stelle.

Coronavirus, la cartina della CNN sotto accusa

“Il punto però non è la CNN, questo è solo un esempio, perché sono anche altri i media internazionali che stanno dipingendo l’Italia in modo sbagliato. – continua ancora nel suo post Luigi DI Mario. Mi chiedo quale sia l’intento. Discriminare un Paese che ha una sanità pubblica e che sta gestendo al meglio, nonostante decenni di tagli, una situazione complessa ed emergenziale in alcune zone?

La disinformazione di alcune testate fa a pugni non con delle opinioni, ma con i dati numerici: l’Italia è la nazione che sta gestendo con più rigore questa emergenza, che, come sappiamo, si è sviluppata in Cina. Noi crediamo che controllare la salute delle persone facendo più tamponi sia serio. Crediamo che prendere misure restrittive per proteggere la salute dei nostri cittadini sia sacrosanto. Crediamo anche che la caccia agli untori sia una cosa da lasciare al Medioevo. Andiamo avanti con rigore e lavoriamo h24 per portare il nostro Paese, appena possibile, alla normalità. Tutti sono invitati a collaborare per questo obiettivo, in tutto il mondo: politici, istituzioni e mass media” conclude Luigi Di Maio.

Coronavirus, la situazione nel Mondo

I casi nel mondo di coronavirus sono ormai oltre 93mila (più di 80mila in Cina, 5.300 in Corea del Sud, 2.300 in Iran e 3.300 in Europa). I morti superano i 3.200, di cui 3mila in Cina, seguono Iran e Italia. Negli Usa stato di emergenza in California, Florida e Washington, mentre la Germania per la prima volta parla dirischio “pandemia globale” (per l’Oms invece si tratta di epidemia)