Coronavirus, Galli a Sky Tg24: “Attuali misure non bastano”

“Le attuali misure per il contenimento del coronavirus non bastano ancora”. A dirlo a Sky Tg24 è Massimo Galli, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco di Milano. L’infettivologo, sulle nuove restrizioni volute dal governo, afferma: “Le misure sono importanti e perché funzionino devono essere radicali perché altrimenti, ce lo dimostra Wuhan che è riuscita ad uscire da questo disastro in un tempo ragionevole anche se lungo, rischiamo che il nostro tempo diventi lunghissimo”

STARE A CASA

“Quando vado in ospedale o trovo le persone che dipingono le righe per terra mi chiedo se non sia un’attività che non può esser rimandata – si chiede il professore – Stare a casa è fondamentale, ma se si sta a casa in una situazione in cui le licenze di uscita in cui si possono raggiungere situazioni in cui c’è parecchia gente come gli ambiti lavorativi sono molto numerose e non giustificate, andremo avanti a cerchi concentrici a continuare ad avere più infezioni”.

MILANO FONDAMENTALE CONTRO IL VIRUS

“È evidente che la battaglia di Milano è fondamentale per riuscire ad uscire per tempo, bene e presto, da questa terribile emergenza. Dobbiamo assolutamente da questo punto di vista riuscire a contenere l’infezione in una città come Milano. Ovviamente – aggiunge l’infettivologo – dobbiamo farlo in tutta Italia, ma  è chiaro a tutti che avere una situazione di controllo su Milano sia uno dei fronti fondamentali contro il virus. Milano e l’hinterland fanno più di 3 milioni e mezzo di abitanti e ovviamente la concentrazione di popolazione è un fattore importante della possibile diffusione di un virus”.