Coronavirus, Ricciardi ad Agorà: “è una guerra che durerà ancora diversi mesi”

Intervenuto nel corso della diretta televisiva di Agorà, su Rai Tre, Walter Ricciardi consulente del ministero della Salute in questa emergenza, nonché membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che il coronavirus è una guerra che durerà ancora diversi mesi.

“Non so dire quanto tempo ci vorrà – ha aggiunto l’esperto – fra quanto ne saremo fuori. Dobbiamo abituarci ad una lunga guerra. Dobbiamo collaborare tutti: probabilmente dovremo attendere l’estate per tornare a una vita normale. Ricordiamoci che la Sars che era meno contagiosa, finì verso maggio- giugno. E il Covid-19 è più contagioso della Sars”.

LE MISURE DEL GOVERNO

L’esponente dell’Oms ha precisato che stare in casa è obbligatorio: “Il coronavirus si trasmette con goccioline da persona a persona, non è nell’aria”.Ricciardi ha parlato anche dei risultati incoraggianti che arrivano da Napoli, dove è iniziata ed è proseguita con successo a sperimentazione di un farmaco anti-artrite sui pazienti colpiti dal coronavirus: “A Napoli si apre una speranza, viene da una sperimentazione cinese. Questo farmaco contro l’artrite reumatoide va però sperimentato su molte persone per poter dire se sia realmente efficace”.

FRENATA CONTAGI

“Ci vorranno almeno due settimane per vedere diminuire il numero dei contagi, questa settimana aumenteranno ancora ma poi diminuiranno. È essenziale che altri paesi si allineino a quello che l’Italia sta facendo. Tutti dobbiamo dare vita ad azioni di contenimento. Pandemia vuol dire che è stato registrato un aumento di casi in tutto il mondo, contemporaneamente. Quindi dobbiamo darci da fare”