Coronavirus, a Omnibus il virologo Andrea Crisanti: “Bisogna concentrarsi su epidemia e solo dopo su economia”

“Difficile al momento capire le dimensioni dell’epidemia anche perché sappiamo che ci sono molti asintomatici che sono ancora più problematici. A mio avviso si è rinunciato a fare una fotografia chiara della situazione in Italia: questa è la settimana chiave per capire se siamo riusciti a fermare virus e se le misure adottate bastano”.

Lungo intervento del virologo Andrea Crisanti dell’Università di Padova che analizza non solo lo stato dell’emergenza coronavirus in Italia ma propone anche alcune indicazioni urgenti al Governo da adottare.

Coronavirus, virologo: “Chiusura scuole troppo tardi”

Crisanti ritiene la chiusura delle scuole una misura adottata “Troppo tardi e troppo poco, bisognava chiuderle subito, nell’immediato, bisogna pensare alla salute e non all’economia”. E’ ora di “dire la verità agli italiani, trasparenza significa verità ed è la misura del rispetto che le istituzioni hanno dei cittadini. Siamo di fronte ad una epidemia di dimensioni imprevista, i cui numeri non tendono a diminuire, sono in aumento i casi, siamo in una situazione di emergenza totale, riproporre misure di settimana in settimana rischia di essere elemento di confusione”.

Coronavirus, virologo “Bisognava dire la verità”

“Non è stato detto che c’erano centinaia di casi e che ci trovavamo di fronte ad un fenomeno estremamente serio – ha detto ancora a Omnibus il virologo Andrea Crisanti-. Certi provvedimenti andavo presi prima invece si sono perse due settimane di tempo a pensare all’economia: se posso permettermi l’unica cosa da fare era immediatamente investire nel sistema sanitario nazionale, nella protezione civile e investire in ricerca, questi sono i tre provvedimenti più urgenti che bisognava prendere. Se epidemia continua – conclude Crisanti- che senso ha aiutare economia, bisogna trattare epidemia prima, poi l’economia ripartirà una volta che abbiamo affrontato il problema sanitario.”