Governo, scontro tra Crimi e Renzi: “Le sue sparate fanno male al Paese”

“Sono preoccupato per il Paese, nel momento in cui Renzi fa queste sparate e si mette di traverso su ogni cosa, non fa male a me, a Conte o al governo, ma al Paese”.

Così il capo politico M5S Vito Crimi a Napoli. “Se non avessimo avuto quel senso di responsabilità – aggiunge – di capire che il Paese è in una situazione difficile e che bisogna unire le forze, non avremmo fatto questo governo”.

Crimi contro le “sparate di Renzi

“Non stiamo qui a tirare a campare, dobbiamo fare l’interesse dei cittadini e degli italiani e ci interessa solo quello. Nell’agenda 2023 mettiamo in campo le cose che servono, crescita, innovazione, salario minimo e lavoriamo su questo, il resto sono solo polemiche”. Quanto all’incontro chiarificatore tra Matteo Renzi e Giuseppe Conte, Crimi lo reputa “doveroso visto come ha alzato i toni Renzi”. “Ha fatto tutto lui – ha aggiunto -. Ieri ha parlato di questo incontro con Conte dicendo che l’incontro può mettere fine al teatrino, lui stesso ha definito teatrino quello che ha fatto”.

L’ultima uscita di Renzi

“Se il Premier riterrà di respingere le nostre idee, faremo senza polemiche un passo indietro, magari a beneficio dei cd. responsabili. Dentro o fuori non è una questione di tattica, ma di contenuti” aveva scritto questa mattina su facebook Matteo Renzi, leader di Italia Viva in riferimento all’imminente incontro con il premier Giuseppe Conte sul futuro della maggioranza e del Governo.