Crisanti: “Mi auguro di chiarire con Zaia”

“Mi auguro che ci sia un chiarimento con Zaia. Ho visto in modo positivo le sue ultime dichiarazioni”. Spera nella ‘pace’ il professor Andrea Crisanti e all’Adnkronos Salute parla di “voglia di chiarire” con il governatore del Veneto, in modo da mettere fine alle polemiche a distanza che hanno animato le ultime settimane.

 

Sono stati giorni in cui il responsabile del Laboratorio di Microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova ha riflettuto anche sulla sua permanenza nel Comitato tecnico scientifico della Regione. Ci sono stati momenti di cedimento dettati, sottolinea, “da alcune difficoltà di interazione che ho avuto con Zaia, dal ruolo marginale del Comitato tecnico scientifico, dal fatto che mi sono trovato a disagio considerato che le persone più vicine al presidente avevano posizioni scientifiche diametralmente opposte alla mia. Sono cose sostanziali: se uno firma un documento che dice che il virus è clinicamente morto, a mio avviso può essere un problema. A livello di politica regionale, lo può diventare. Non è dunque stato un problema con Zaia, ma piuttosto qualcosa derivato dalla situazione che si è creata, risultato anche di mancanza di comunicazione”.