De Micheli: “Investire su ferrovie, doppia linea in tutti capoluoghi provincia” 

di Enzo Bonaiuto”Ci sono alcune questioni basilari, che nei contratti di programma e negli aggiornamenti devono essere recepiti, ovvero l’elettrificazione di tutta la linea nazionale e la doppia linea nei capoluoghi di provincia: mi sembrano i fondamentali per un Paese che sceglie una riconversione ambientale e che vuole fare un grande investimento sul ferro”. E’ quanto sottolinea la ministra Trasporti e Infrastrutture Paola De Micheli, al termine dell’incontro con la Conferenza delle Regioni nella sede del Cinsedo a Roma. 

“Ci sono alcuni cantieri da sbloccare, altri sono stati sbloccati e non ne parla nessuno ma ovviamente ne racconteremo la storia – afferma ancora -. Sul tema dei commissari, prenderemo la decisione di fare davvero commissari emergenziali e non in maniera diffusa, solo per scaricare la responsabilità a qualcun altro, perché ci sono anche molti cantieri che possono partire semplicemente con decisioni di natura amministrativa”. 

“Ho indicato le linee guida con cui prederemo le decisioni rispetto ai temi che riguardano le strade, le ferrovie, i porti e aeroporti; e ho ricevuto dalle Regioni una serie di richieste che non sono solo territoriali ma anche di modalità di gestione del rapporto tra ministero, Conferenza e singole Regioni” riferisce la ministra dei Trasporti. 

“Ho improntato questo rapporto sulla concretezza: poche promesse roboanti e un tentativo di ‘messa a terra’ per ciò che è già programmato e finanziato – assicura De Micheli -. Rispetto a questo atteggiamento di concretezza, credo che nessuno più degli amministratori regionali sarà in grado di supportare e ricevere le attività del ministero”.