De Mita: «M5S destinato a scomparire. Salvini rozzo ma messo meglio»

L'ex leader della Dc, oggi candidato a sindaco di Nusco, ne ha per tutti: dal governo gialloverde al Pd accusato di essere «senza pensiero»

M5S

«La scelta risale a tre giorni fa. Neanch’io lo credevo possibile. E’ stato un atto di resistenza all’oltraggio di un’amicizia sulla quale avevo fatto affidamento». Così, in un’intervista a “Il Fatto Quotidiano”, Ciriaco De Mita, ex leader Dc, 91enne candidato alla carica di sindaco di Nusco, suo paese natale in provincia di Avellino. E pensare che De Mita aveva ipotizzato «di morire a 87 anni. Ne ero veramente convinto e mi pareva del resto anche una bella età. Rimango dell’idea che quegli anni fossero giusti».

Dal passato al presente
Sull’attuale classe politica, De Mita afferma: «Onestamente devo dire che Grillo mi è simpatico. Ha avuto la capacità di interpretare i bisogni della gente. Per interpretarli li ha dovuti conoscere, quindi è stato bravo». Ma aggiunge: «Conosce i bisogni ma non ha soluzioni». E riguardo il M5S dichiara: «Non ho alcun dubbio che andranno al disastro, ma per via di un loro difetto genetico. I M5S sono il medico dolente dell’Italia ammalata: anziché approntare la terapia aggiungono al dolore altrui il loro lamento. Sono destinati a scomparire».

Un commento anche sulla Lega: «Quel Salvini è assai rozzo, ma il suo movimento ha custodito negli anni un collegamento più solido con gli artigiani, i lavoratori autonomi del Nord. Un corpo sociale importante che gli farà da paracadute. In sintesi: mi sembra messo meglio». E sul Pd: «E’ senza pensiero. Il Pd dunque è il tentativo del niente. E un partito che non ha un pensiero semplicemente non esiste».