Dritto e rovescio, Salvini contro Fabio Volo e Fedez: ‘Non prendo lezioni di antimafia da milionari di sinistra’

Matteo Salvini continua ad essere molto presente in tv. Ad osptiarlo è stata la trasmissione Dritto e Rovescio, in onda su Rete 4  condotta da Paolo Del Debbio. Il leader della Lega, a pochi giorni dalle elezioni in Emilia Romagna, ha risposto a muso duro alle critiche arrivategli da Fabio Volo e Fedez. I due si erano scagliati contro di lui per aver citofonato ad un tunisino, provando ad informarsi se spacciasse o meno.

La risposta di Fabio Volo e Fedez

L’attacco di Fabio Volo e Fedez nei confronti di Matteo Salvini è sembrato finalizzato al mettere in rilievo il fatto che il suo gesto fosse di stampo propagandistico. In particolare l’attore, deejay e scrittore lo aveva invitato a fare lo stesso con i camorristi, evitando di fare il forte con i deboli. Il cantante, invece, aveva manifestato riserve rispetto alla figura di Salvini come “giustizierie”, paragonandolo a qualcosa di più simile ad un testimone di Geova.

Salvini ricorda che lui la mafia l’ha combattuta

Matteo Salvini ha risposto per le rime, provando a ripercorrere alcune tappe della sua carriera politica e da Ministro in particolare.

“Mentre Fabio Volo e Fedez facevano i soldi giustamente  – ha evidenziato – scrivendo libri e canzoni, io in un anno da Ministro grazie all’ordine pubblico e al sistema di sicurezza italiana ho contribuito alla confisca 7 miliardi di euro di ville, conti correnti, macchinoni a mafia, camorra e ndrangheta. Mentre Fabio Volo e Fedez facevano i soldi, io ricordo con orgoglio il primo colpo di ruspa che ho dato ad una villa confiscata ai Casamonica che adesso è diventato un giardinetto per i bambini ed una biblioteca. I Casamonica mi hanno minacciato. Non prendo lezioni di antimafia da questi milionari di sinistra”.