Due turni di stop a Fonseca, multa all’Atalanta per cori razzisti  

Il giudice sportivo di Serie A ha squalificato per due giornate con un’ammenda di 10mila euro il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, espulso per le veementi proteste contro l’arbitro Massa, al termine di Roma-Cagliari
.  

Oltre alla doppia ammonizione per le proteste nei confronti del direttore di gara, il tecnico giallorosso è stato punito “per essersi, dopo la notifica del provvedimento di espulsione, avvicinato all’arbitro con fare minaccioso e aggressivo urlando diverse volte una frase irrispettosa”, si spiega nelle motivazioni. La Roma dovrà inoltre pagare una multa di 15mila euro “a titolo di responsabilità oggettiva, per aver consentito l’ingresso nel recinto di giuoco di un preparatore atletico che non risulta, allo stato, essere tesserato, il quale applaudiva ironicamente in maniera continuativa il direttore di gara, a cui si era avvicinato con atteggiamento aggressivo”. Multa di 10mila euro alla Juventus per la luce-laser puntata dai tifosi bianconeri contro Lautaro Martinez dell’Inter che si apprestava a tirare il rigore.  

Anche l’Atalanta dovrà pagare solo una multa di 10mila euro per i cori razzisti
dei suoi tifosi a Dalbert della Fiorentina durante il match giocato al Tardini di Parma lo scorso 22 settembre. Secondo il giudice sportivo, che aveva chiesto un supplemento d’indagine prima di esprimersi sull’episodio, pur “non sussistendo ragionevole dubbio circa il verificarsi della condotta discriminatoria”, la sanzione va quantificata in una multa “vista la dimensione e la mancata percezione reale da parte degli organi federali e preposti all’ordine pubblico”.