Elemosiniere del Papa criticato da quasi il 50 per cento degli italiani

Un sondaggio dell'Istituto Swg evidenzia come la maggioranza relativa dei cittadini consideri fuori luogo l'iniziativa del cardinal Krajewski, mentre altri apprezzano il gesto come un atto puramente simbolico

elemosiniere

Ha fatto molto discutere il gesto compiuto circa una settimana fa dall’elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski, che è andato a riattaccare l’energia elettrica di uno stabile occupato, in cui vivevano 500 adulti e 100 bambini. Mentre il segretario di stato Vaticano, monsignor Pietro Parolin, ha invitato a sforzarsi di capire «il senso di questo gesto, che è attirare l’attenzione di tutti su un problema reale che coinvolge persone, bambini, anziani», il vicepremier, Matteo Salvini, ha sottolineato che «sostenere l’illegalità non è mai un buon segnale, ci sono tanti italiani che sono in difficoltà, ma le case non le occupano e le bollette le pagano». Per conoscere l’opinione degli italiani, l’Istituto Swg ha realizzato un sondaggio chiedendo un’opinione su quanto accaduto.

Italiani poco convinti dal gesto del cardinale
Il 43 per cento degli intervistati è della stessa opinione del ministro dell’Interno e afferma che se l’intenzione era quella di aiutare gli abitanti del condominio bisognava pagare le bollette scadute in quanto non si possono infrangere le regole. Per il 33 per cento, invece, il gesto del cardinal Krajewski deve essere considerato un atto puramente simbolico perché non risolve certo i tanti problemi del nostro Paese. Infine, il 24 per cento considera da apprezzare l’azione a favore delle famiglie, troppo penalizzate dal taglio dell’energia elettrica.

elemosiniere
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)