Epifania, milioni di italiani in viaggio tra riti e tradizioni

Dalla befana in piazza Navona alle befane e befani di Urbania, dalla Cavalcata dei Re Magi di Firenze a la Nott de Bisò a Faenza, sono tanti gli appuntamenti in programma su tutta la penisola

Saranno 2 milioni e 734 mila gli italiani in viaggio nei giorni dell’Epifania, il 2,7 per cento in più dello scorso anno. Nel 94,7 per cento dei casi chi partirà sceglierà l’Italia come destinazione della propria vacanza mentre il restante 5,3 per cento andrà all’estero. A sottolinearlo è un’indagine realizzata da Federalberghi con il  supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions.

«Siamo evidentemente di fronte alla conferma di un trend di crescita già rilevato in occasione del Natale e del Capodanno – commenta il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Le performance del nostro turismo non vanno mai sottovalutate: a fronte di una crisi che investe i più svariati settori dell’economia italiana, il nostro comparto si mantiene tonico: ci vuole però il giusto ”training” perché possa esprimere al meglio il suo potenziale conquistando maggior attrattività».

Secondo la rilevazione di Federalberghi, tra i vacanzieri, 1 milione 266 mila si metterà in viaggio per il solo periodo dell’Epifania; 379 mila saranno già in movimento sin da Capodanno mentre 1 milione e 89 mila avrà programmato la vacanza lunga, ovvero l’intero arco delle festività, da Natale alla Befana. Per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,2 notti con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 406 euro (a fronte dei 397 del 2017) di cui 390 per chi resta in Italia e 626 per chi sceglie l’estero. Il giro di affari specifico del week end si attesterà sui 514 milioni di euro.

Eventi in giro per l’Italia
Dalla befana in piazza Navona alle befane e befani di Urbania, dalla Cavalcata dei Re Magi di Firenze a la Nott de Bisò a Faenza, sono tanti gli appuntamenti in programma su tutta la penisola.

A Roma nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, il tradizionale appuntamento è a piazza Navona con l’arrivo della vecchina che incontrerà grandi e piccini. A Verona i festeggiamenti sono in programma in piazza Brà dove si svolge il tradizionale Rogo della Vecia che rievoca l’antico rito dell’Epifania nella tradizione popolare italiana: un manufatto di circa dieci metri verrà bruciato per scongiurare antiche credenze sulla sfortuna e sul  malocchio.

Il 6 gennaio alle 14,30 un corteo di 150 persone in costume, un gregge di pecore, guerrieri romani a cavallo e i tre magi sui loro cammelli, partiranno da piazza VIII Agosto per arrivare a piazza Maggiore a Bologna e rendere omaggio al Bambino Gesù all’interno della capanna allestita sul sagrato della Chiesa di San Petronio. Al termine della giornata l’appuntamento è con i fuochi d’artificio sulla scalinata del Pincio, in via dell’Indipendenza. Quello di Bologna non è l’unico appuntamento della provincia. A San Matteo della Decima a San Giovanni in Persiceto al calar della sera vengono bruciati grandi fantocci fatti di paglia pressata in diversi roghi nelle campagne e nelle strade. La Befana brucia al grido popolare di “A brusa la vecia”.

Fino al 6 gennaio a Urbania, nelle Marche, è in programma la Festa nazionale della Befana. Un ricco cartellone di musica, feste, appuntamenti culturali e momenti enogastronomici che coinvolgerà i tanti visitatori in città. Vietato poi perdere la discesa delle befane dalla Torre civica, che dispenseranno doni ai più piccoli. Oltre ai mercatini di Natale con tante golosità, cioccolato, laboratori di ceramica, musica e gusto.

Per le strade del centro storico di Firenze l’appuntamento è con la tradizionale cavalcata dei Re magi che percorreranno le strade della città indossando costumi rinascimentali di grande sfarzo. Da non perdere in piazza della Signoria lo spettacolo degli sbandieratori.

Nel giorno di chiusura delle feste natalizie importante in piazza Duomo, a Milano, il corteo dei re magi: nella basilica di Sant’Eustorgio, si celebrerà la tradizionale offerta davanti al presepe vivente. Da non perdere in giro per il centro storico il tradizionale appuntamento con i mercatini dedicati alla simpatica vecchietta.

Tra il 5 e il 6 gennaio tutta la provincia di Treviso sarà sede dell’antica festa del Panevin. Oltre 200 saranno i fuochi che si accenderanno in tutto il territorio poco prima dell’Epifania. Anticamente era un rito propiziatorio: davanti al fuoco si invocavano i buoni raccolti per il nuovo anno. A seconda della direzione delle scintille del grande falò, i trevigiani indovineranno l’andamento dell’anno appena iniziato. Immancabili i balli, i canti, e il buon vin brulee della tradizione trevigiana.

Il 6 gennaio, Fornovo Taro, in provincia di Parma, diventa sede del raduno nazionale delle befane e dei befani. Le strade della città saranno invase dai numerosi mercatini, oltre che dalle allegre befane. Attesa la sfilata delle befane e i befani, con la premiazione della befana e del befano più anziani.

Sempre il 6 gennaio appuntamento a Pistoia per il tradizionale evento a cura dei vigili del fuoco. L’appuntamento è in piazza Duomo, dove la Befana si calerà dal campanile dalla Torre Catilina per distribuire doni e dolci a tutti i bambini. La simpatica vecchietta, però a causa di problemi con la scopa andrà a sbattere contro il Campanile e cercherà l’intervento dei vigili del fuoco. Tutta la piazza sarà addobbata da 12 grandi calze, poste sulle mura dei palazzi.

Il 5 e il 6 gennaio per le strade di Cagliari largo ai festeggiamenti della Befana. Il 5 gennaio una graziosa befana passeggerà lungo via Garibaldi e via sui pattini, per distribuire doni ai più piccini. Il giorno successivo in piazza Costituzione la Befana camminerà, invece, sui trampoli distribuendo palloncini per poi recarsi al Teatro Civico, dove, dopo aver bruciato la scopa, scenderà sul palco dal trapezio volante. La festa della Befana a Sassari è un appuntamento fisso. Anche quest’anno la Befana si calerà dal Palazzo della Provincia in piazza d’Italia in un evento organizzato dai vigili del fuoco. Alla spettacolare calata della Befana saranno ovviamente accompagnate caramelle e cioccolatini distribuiti a tutti i bambini.

Il 6 gennaio a Mondovì, in provincia di Cuneo, torna il raduno Aerostatico internazionale dell’Epifania. Mondovì è considerata la capitale italiana delle mongolfiere perché è qui che venne immatricolato il primo pallone aerostatico d’Italia e nacque la prima scuola di pilotaggio. Per la festa della Befana saranno previsti tre turni di volo e a questi si accompagneranno dibattiti, spettacoli e musica. Nel giorno conclusivo delle festività natalizie appuntamento a Savona, con la Befana Vien Da Mare. La famosa vecchietta arriverà da mare al porto per distribuire doni e dolci ai più piccoli. Durante la giornata saranno organizzate gare di pesca a riva e in mare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − uno =