Europei, all’Olimpico l’Italia travolge 3-0 la Turchia

All’Olimpico di Roma va in scena la Ripartenza. Non è solo una partita di calcio, infatti, quella giocata (e vinta per 3-0) dall’Italia con la Turchia, prima del campionato europeo di calcio. E’ anche un evento simbolico. Come simbolico è l’atto di calciare il pallone. Nella ‘notte magica’ azzurra all’Olimpico è stato infatti dato un calcio al pallone e un altro, simbolico, alla pandemia e alla crisi peggiore che ha colpito il mondo dal dopoguerra.

Dal simbolo alla realtà: la sessantesima volta della nazionale azzurra all’Olimpico di Roma coincide con la prima vittoria a Euro 2020. Una vittoria netta e tutt’altro che scontata. E, soprattutto, non prevedibile (anche se auspicabile per l’Italia) con queste dimensioni. È un trionfo, di gioco e di gol in una partita dominata dagli azzurri e conclusa con la netta vittoria della nostra nazionale per 3-0 con gol di Demiral (autorete), Immobile e Insigne.

Mancini: soddisfazione per noi e gli italiani

“Abbiamo fatto una buona partita. In queste partite serve tutto: c’è stato aiuto del pubblico e la squadra ha giocato veramente bene“. Ai microfoni di Rai Sport Roberto Mancini al termine della gara, a caldo, contiene la sua gioia, ma appare molto soddisfatto per il gioco e il risultato della sua Nazionale. “L’Italia ha fatto una bella partita – aggiunge – era importante iniziare bene a Roma: è una soddisfazione per noi, per il pubblico e per tutti gli italiani“. Mancini è contento ma sa che non ha ancora vinto nulla. Per arrivare al traguardo, aggiunge, “ce ne sono ancora sei e qui ci sono altre nazionali forti”.

Poi, in conferenza stampa, aggiunge: “Siamo una squadra che gioca bene e che è migliorata tantissimo in questi anni. Le partite non si vincono per caso, siamo una squadra giovane che deve ancora comunque migliorare molto. Ho avuto la serata che volevo”, ha detto ancora il ct Roberto Mancini, durante la conferenza stampa al termine della partita.

“I ragazzi hanno grande merito e abbiamo trovato squadre che danno pochi spazi come ha fatto la Turchia ma noi abbiamo avuto pazienza. Il primo tempo non è stato semplice. Anche la difesa è stata bravissima”, ha aggiunto.