Famiglia, Di Maio: «Riforma Irpef e agevolazioni per babysitter e asili nido»

Il vicepremier e ministro del Lavoro ha presentato sul Blog delle stelle tre proposte a sostegno delle nascite

europee

Nonostante le rassicurazioni da entrambi i fronti, ogni giorno ecco accadere qualcosa che evidenzia alcune crepe all’interno del governo Lega-M5S. Così, il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, commenta una frase del collega di governo, Matteo Salvini, riportata dal quotidiano “La Repubblica”: «Credo che il governo debba andare avanti. L’unica cosa che non condivido e spero che non sia vero questa frase di Salvini che leggo su Repubblica: “Qui comando io”. Io voglio dire una cosa chiara: qui comandano gli italiani e abbiamo sempre detto che governeremo questo paese con umiltà e al servizio degli italiani. Se fosse vera quella frase, sarebbe grave, perché uomini soli al governo li abbiamo già avuti con Renzi, con Berlusconi. Ne abbiamo avuti abbastanza e hanno fatto danni. Se fosse vero, sarebbe una trasformazione di Salvini, non lo riconoscerei in una frase del genere quindi spero che la smentisca».

Tav e rimborsi ai risparmiatori truffati
Di Maio, intervistato su Rtl 102.5 risponde ad alcune domande sulla Tav ricordando che ogni decisione in materia «dipenderà dall’interlocuzione tra il presidente del Consiglio, lo stesso Juncker e il presidente francese. Noi siamo stati molto lineari, abbiamo fatto uno studio costi-benefici che pendeva sui costi, io ho fatto una promessa agli elettori che è quella di spendere soldi per fare opere e non fare opere per spendere soldi. Ora ci sarà un’interlocuzione tra le varie istituzioni e si porterà avanti il lavoro già fatto in questi mesi, quello di capire come trovare una soluzione comune».
Il vicepremier parla anche dei rapporti con il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, e sul decreto per i rimborsi ai truffati dalle banche: «Può star tranquillo – spiega – non gli dirò mai di stare sereno perché non è un modo per tranquillizzarlo. L’unica cosa che penso è che tutti quanti insieme dobbiamo lavorare sulle cose concrete: deve essere firmato il prima possibile il decreto che rimborsa i risparmiatori truffati. Ci abbiamo lavorato per otto mesi, adesso manca un ultimo atto per rimborsare i truffati di Banca Etruria che stanno aspettando, per noi è fondamentale perché ci sono state persone finite sul lastrico per colpa del governo precedente. Noi ci abbiamo messo un miliardo per rimborsarli e va fatto il prima possibile».

Misure per la famiglia
Infine, Di Maio su Facebook annuncia alcune misure a sostegno della famiglia: «Sulla famiglia il MoVimento 5 Stelle ha un piano molto ambizioso, che vogliamo iniziare a concretizzare. Nel Def, oltre al dl Crescita e allo Sblocca cantieri, in qualità di ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali proporrò l’inserimento di un capitolo dedicato proprio alla famiglia, incluse alcune misure che possiamo portare a casa già nel 2019 e con la prossima finanziaria». Il dettaglio delle tre proposte è riportato in un post, dello stesso Di Maio, sul Blog delle stelle. Si va dalla riforma dell’Irpef con il coefficiente familiare (per cui ogni cittadino che percepisce uno stipendio avrà delle detrazioni calcolate in base alla composizione del nucleo familiare) a un «impegno verso maggiori incentivi per chi ha necessità di una baby sitter e per l’acquisto di pannolini, con sconti del 50 per cento sul prodotto», fino a delle agevolazioni sulle rette degli asili nido «fino ad arrivare a un dimezzamento (per il primo, il secondo e il terzo figlio) in quelle regioni dove il costo è più alto». È necessario, aggiunge il ministro, che le famiglie italiane possano tornare a fare figli. «Serve un nuovo Welfare familiare – conclude – Servono meno opinioni e più fatti».

Annunci

1 commento

  1. Asili Gratis e Disabili Lavoratori e Bebysitter potrebbero essere tre capitoletti di un libretto dove si dice che “Tutti in questo paese lavorano, anche i disabili gravi e gravissimi e ogni parola e azione conta purchè sia nel limite del bene personale e comune, adesso che il digitale spopola e le informazioni per loro girano più velocemente, rendendoli attivi nella formazione permanente, nell’istruzione, nei blog, nella scrittura creativa…, adesso che l’università e la Ricerca promuovono la fruizioni di corsi prima inaccessibili faccia a faccia con un incremento delle relazioni tra pari del settanta per cento, incentivare il volontariato, il patrimonio culturale cittadino e locale e continuare nella stesura di questo libretto .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 4 =