Fdi, Meloni: «Troppo facile dire che Salvini ha sbagliato…»  

Il capo politico del partito di destra: «E' come fare gli allenatori a fine partita, per me la crisi andava aperta all'indomani delle elezioni europee»

fdi

Fischi contro il premier Giuseppe Conte e tanti slogan anti-governo giallorosso. Nel centro di Roma si è consumata la manifestazione di Fdi, appoggiata dalla Lega. «Renzi, Di Maio, fuori dai coglioni, il popolo vuole libere elezioni», è uno dei cori partiti dal cuore piazza. I manifestanti chiedono «elezioni subito, contro i ladri di poltrone». 

Il pensiero di Giorgia Meloni
La leader di Fdi è intervenuta su Radio 24: «Troppo facile dire che Salvini ha sbagliato ad aprire la crisi, è come fare gli allenatori a fine partita, per me la crisi andava aperta all’indomani delle elezioni europee. Piuttosto io non ho capito moltissimo l’aver aperto la crisi e poi chiedere a Di Maio di fare il premier, dicendo che ha lavorato bene. Secondo me Di Maio ha lavorato pessimamente, al Mise ci sono circa 280 tavoli di crisi industriali aperti e Di Maio non ne ha risolto neanche uno sul piano industriale, è stato un pessimo ministro dello sviluppo economico e del lavoro».

Sulla coalizione di centrodestra
«Io punto a lavorare perché ci sia una coalizione, ampia, credibile, e possibilmente meno “ballerina” degli ultimi anni, con gente che rimane nel centrodestra, come ha fatto Fdi, per poter dare all’Italia un governo sovrano, forte coeso e duraturo e che possa durare cinque anni – spiega Giorgia Meloni – Salvini è il leader soprattutto della Lega, in questi anni si è comportato da leader delle Lega, però io sono una persona cui piace fare il gioco di squadra. Però per ora mi pare che ci sia molto da lavorare sul tema di una coalizione capace di lavorare compattamente. Nella gestione della stessa crisi siamo andati in ordine sparso».

Senza Forza Italia
Il partito di Silvio Berlusconi non si è unito alla manifestazione. Così Giorgia Meloni sul forfait degli azzurri: «Spero che Forza Italia non voglia fare un errore che ha già fatto, quello di mettersi lì a trattare con il Pd come accadde per il “Patto del Nazareno”, perché ne abbiamo visti i risultati. Non mi pare che sia questa la scelta di Forza Italia, poi ognuno fa opposizione come ritiene e gli italiani decideranno da che parte vogliono stare.  “Mi dispiace che Forza Italia abbia deciso di non partecipare alla nostra manifestazione dicendo “noi non urleremo in piazza”, perché io ricordo un centrodestra nato sulle grandi manifestazioni di piazza, quindi adesso oltre a non far votare gli italiani è un problema pure farli scendere in piazza, io questo non lo condivido proprio per la storia di coerenza che ho anche nel campo del centrodestra».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 + tre =