Ficarra e Picone, ironia sulla Lega: ‘Salvini, Zaia, Borghezio, Calderoli… l’imbarazzo della scelta’

Difficile non conoscere Salvatore Ficarra e Valentino Picone. Il duo comico, ormai da anni, è diventato celebre grazie agli sketch comici, ai loro film ed anche per la conduzione di Striscia La Notizia. Negli ultimi giorni, attraverso il loro profilo Twitter, hanno commentato alcune vicende che hanno riguardato l’attualità, non mancando di far arrivare qualche frecciata alla Lega e a Matteo Salvini in particolare.

L’attacco su Twitter

Il primo tweet di scherno è arrivato nei confronti del leader del Carroccio. I due hanno fatto riferimento al fatto che l’ex Ministro dell’Interno si sia detto pronto ad affrontare l’emergenza, a patto che ciò lo si faccia senza Conte.
“Sottotesto – si legge in un loro tweet – o mi fate rientrare al governo o continuo a dire che moriremo tutti di coronavirus”. Più che una battuta, in questo caso, sembra si tratti di una vera e propria considerazione politica. L’immagine di Salvini in console, tra l’altro, acuisce il sospetto che il retropensiero nei confronti del nunero uno della Lega non sia positivo da parte dei due siciliani.

Il coronavirus e l’emergenza virale in Lombardia ed in Veneto ha portato in auge altri personaggi legati alla Lega. Il riferimento va naturalmente ai governatori Attilio Fontana e Luca Zaia.
Il primo è stato accusato di aver dato un brutto segnale presentandosi in diretta nazionale con una mascherina.
L’altro è finito nella bufera per aver detto che i cinesi mangiano i topi vivi.
Esternazioni che hanno contribuito probabilmente a stimolare un altro tweet nei confronti del Carroccio.

Ecco il tweet in cui, ironicamente, da parte di Ficarra e Picone si parla di ‘imbarazzo della scelta’ per la Lega e i suoi attori principali: