Financial Times vede 'Salvini premier', il futuro di Conte legato al 26 gennaio

Un eventuale successo di Lucia Borgonzoni alle Regionali in Emilia Romagna potrebbe aprire una crisi di governo secondo il Financial Times.

Il 26 gennaio si avvicina.  Due regioni importanti come Emilia Romagna e Calabria saranno chiamate alle urne.  Elezioni a tiratura regionale che, però, potrebbero offrire riscontri anche a livello nazionale.  Una possibilità messa bene in chiaro dal Financial Times che, anzi, si spinge oltre e vede concreta più che mai l’ipotesi che un’eventuale affermazione del centro-destra in Emilia Romagna acuirebbe in maniera elevatissima l’ipotesi di vedere prestissimo Matteo Salvini a Palazzo Chigi.

Regionali Emilia : Bonaccini – Borgonzoni a duello

Si vota sia in Calabria che in Emilia  Romagna. Tuttavia, la vera partita avviene nella regione più a nord. La motivazione risiede nel fatto che si tratta di una vera e propria roccaforte rossa, ritenuta inespugnabile fino a qualche anno fa.  Un’eventuale clamorosa sconfitta del Pd rappresenterebbe forse un colpo mortale all’attuale governo che, tra l’altro, ha già dovuto patire la perdita di un territorio ‘particolarmente  amico’ come l’Umbria.  Il governatore uscente Stefano Bonaccini sembrava destinato a vincere in carrozza, ma l’evoluzione degli ultimi sondaggi hanno reso la partita quantomeno incerta.

Salvini a Palazzo Chigi se vince Borgonzoni?

Matteo Salvini, al momento, è impegnato in una campagna elettorale palmo a palmo. C’è chi lo accusa di un presenzialismo così forte da oscurare persino la candidata. La verità è che il leader della Lega, al momento, sa di essere un brand che funziona e mette a frutto la virtù.  Il Financial Times, non a caso, lo ha definito  di “un talentuoso e instancabile uomo da campagna elettorale”.

Il numero uno del Carroccio sa di giocarsi molto. Il quotidiano ha sottolineato come l’eventuale caduta dell’esecutivo equivarrebbe verosimilmente alla salita a Palazzo Chigi dell’ex Ministro dell’Interno. La data chiave per il futuro di Giuseppe Conte potrebbe essere proprio quella del 26 gennaio.

“Se fosse Borgonzoni – si legge sul Financial Times –  a vincere, non solo il colpo manderebbe al tappeto il Pd ma probabilmente innescherebbe una crisi nella coalizione con M5s al governo, il che potrebbe far cadere il governo. Con la Lega molto più avanti, nei sondaggi, dei suoi avversari, nuove elezioni potrebbero vedere Salvini balzare al potere come presidente del Consiglio”.