Flat tax, Gelmini: «Quella della Lega non funziona. Operazione di facciata»

La capogruppo di Forza Italia alla Camera critica la misura economica fortemente voluta dalla Lega, in quanto l'applicazione prevista porterebbe a risultati limitati

flat tax

Alleati nel locale, ma avversari in parlamento. È questa la situazione che vede contrapposte Forza Italia e la Lega, con la capogruppo dei forzisti alla Camera, Mariastella Gelmini che non risparmia critica al partito guidato dal vicepremier Salvini. Le critiche riguardano soprattutto la misura che il partito guidato dal ministro dell’Interno, sta cercando di realizzare a tutti i costi: la flat tax. Su questo provvedimento, proposto la prima volta da Forza Italia nel 1994, ricorda la deputata, è necessario fare chiarezza, in quanto l’attuazione prevista dalla Lega non porterebbe ai risultati sperati:  «La flat tax funziona solo come vero shock fiscale, avviata per tutti e in un colpo solo. Introducendola a piccoli passi invece crea discriminazioni e genera comportamenti opportunistici da parte di chi modifica le proprie condizioni pur di rientrare nei parametri, come già avvenuto con l’aliquota unica del 15 per cento di quest’anno per le partite Iva fino a 65mila euro, per cui molti lavoratori dipendenti si sono dimessi da impieghi a tempo indeterminato per passare a un regime più precario ma conveniente a livello fiscale».

Operazione di facciata
La misura che sta per introdurre il governo, prosegue la Gelmini, accontenterà soltanto un numero limitato di persone: «L’aliquota del 15 per cento per nuclei familiari con figli fino a 55-60mila euro di reddito come sembra voglia fare la Lega, non funziona. Viene raccontata come un provvedimento per le famiglie numerose, ma in realtà è un mix di tre diverse misure che si trasforma in un paciugo fiscale. Si pongono talmente tanti paletti che alla fine sarà applicabile a una platea molto limitata, come già avvenuto per reddito di cittadinanza e quota cento. Un modo per far sembrare che il governo mantiene gli impegni presi con gli elettori, senza farlo veramente. Tutta un’operazione di facciata».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 + sette =