Fondi sequestrati, Lega ricorre a Corte diritti Ue 

La Lega annuncia il ricorso alla Corte Ue dei diritti dell’uomo dopo la decisione della Corte di Cassazione di confermare il sequestro ‘rateizzato’ dei beni del Carroccio. Ad annunciarlo, il tesoriere del Carroccio, Giulio Centemero. “La Corte di Cassazione, rigettando il ricorso, ha definitivamente avallato la possibilità di sequestrare somme totalmente lecite, considerandole profitto di reato – sottolinea Centemero all’Adnkronos -. I contributi dei cittadini, i proventi delle feste etc si trasformano, per sentenza, in somme da sequestrare senza che vi sia alcun legame con i fatti di reato che vengono contestati ad altri soggetti e a danno della stessa Lega. La violazione è talmente palese che si dovrà ricorrere alla Corte Europea dei diritti dell’uomo per vedere riconosciute le ragioni che non sono solo del partito ma di tutti i cittadini”.

(Fonte: Adnkronos)